Volkswagen, la nuova Passat al Naias 2019







Berline un poʼ in affanno al Salone di Detroit

Volkswagen ha scelto il Salone auto di Detroit (Naias) per presentare la nuova Passat. La berlina di fascia alta è un modello importante nella gamma americana di Volkswagen, al contrario dellʼEuropa dove la variante station wagon gode di maggior appeal. Il cuore dellʼofferta in Usa consiste nella nuova motorizzazione 2.0 TSI da 174 CV, un turbo benzina a iniezione elettronica.

Il Naias resta un evento importante nel panorama automobilistico mondiale, ma lʼedizione 2019 paga la stretta vicinanza con il CES di Las Vegas, tanto che dal prossimo anno si svolgerà a giugno. Le principali novità riguardano come sempre il mercato Usa, con i grandi Suv e pick-up a dominare la scena, vedi il nuovo RAM Heavy Duty, ma alcuni prodotti interessano anche lʼEuropa, come la Passat appunto, la cui longevità è inferiore soltanto alla Golf e che continua ad avere un suo fascino, soprattutto per liberi professionisti e flotte.

La berlina tedesca sconta un poʼ le difficoltà del segmento in confronto alle nuove carrozzerie (Suv e monovolume). In Usa 10 anni fa il rapporto tra berline e Suv era 52/48 a favore delle prime, oggi è di 42/58 a favore dei secondi. Per cercare di recuperare terreno la nuova Passat propone linee classiche e i tre canonici volumi, con un accenno di sportività soltanto nella coda. Le carreggiate sono ampie e i punti di forza restano lʼabitabilità e la tecnologia di bordo. La dotazione standard include i cerchi in alluminio da 17 pollici, i fari full LED, i sistemi di sicurezza Front Assist con monitoraggio dei pedoni e Blind Spot Monitor.

Sui mercati nordamericani la nuova Volkswagen Passat debutterà la prossima estate. Sorprendente la garanzia offerta in Usa: 6 anni o 72.000 miglia (oltre 115 mila km). Una copertura non prevista in Europa.

Nello speciale motori anche la nuova Volkswagen Passat



Previous Article
Next Article