Venezuela, Di Stefano: “L’Italia non riconosce Guaidò”


Venezuela, Di Stefano: "L'Italia non riconosce Guaidò"


L’Italia non riconosce l’autoproclamato presidente del Venezuela Juan Guaidò. E’ stato il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano (M5s) a dichiararlo spiegando: “Siamo totalmente contrari al fatto che un Paese, o un insieme di Paesi terzi, possa determinare le politiche interne in un altro Paese. Si chiama principio di non ingerenza ed è riconosciuto dalle Nazioni Unite”.

Di Stefano commenta così il via libera del Parlamento europeo alla risoluzione non legislativa che riconosce Juan Guaido, presidente dell’Assemblea nazionale di Caracas, come presidente legittimo ad interim del Venezuela. “Oggi il più grande interesse che abbiamo – ha aggiunto Di Stefano – è quello di evitare una nuova guerra in Venezuela. Stesso errore che è stato fatto in Libia oggi riconosciuto da tutti. Dobbiamo evitare che succeda lo stesso in Venezuela”.

Tajani: “Spiace che M5s-Lega e alcuni Pd si siano astenuti” – “Ho appena annunciato a Guaidò che il Parlamento Ue lo riconosce come presidente. Spiace che il M5s Europa e la Lega (!!!) e molti del Pd si siano astenuti, senza schierarsi contro la dittatura di Nicolas Maduro”. Lo ha affermato via Twitter il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.

Francia: “Elezioni entro domenica o riconosceremo Guaidò” – La Francia “riconoscerà” l’oppositore venezuelano Juan Guaidò come “presidente ad interim” del Venezuela se non verranno annunciate elezioni entro domenica: lo aveva annunciato il primo ministro Edouard Philippe in Parlamento, aggiungendo che il riconoscimento avverrà “in pieno coordinamento con i nostri partner europei, con la Germania, con la Spagna, con la Gran Bretagna”.



Previous Article
Next Article