Shamima supplica la Gran Bretagna: “Rivedete il mio caso, sono disposta a cambiare”






La 19enne arruolatasi in Siria con lʼIsis invoca pietà dopo aver perso la cittadinanza inglese. Lettera della famiglia al Segretario di Stato Javid: “Siamo sconvolti, riportiamola a casa”

Shamima supplica la Gran Bretagna: "Rivedete il mio caso, sono disposta a cambiare"


Si arruolò nell’Isis in Siria e ora vuole tornare a casa con il suo neonato malato. Per Shamima Begum inizia il secondo atto. La 19enne anglo-bangladese, infatti, invoca “pietà” dopo che la Gran Bretagna le ha revocato la cittadinanza. “Il Bangladesh non è il mio Paese – spiega in un’intervista a Sky News. – Non posso andar lì, non conosco il posto, la lingua. Chiedo ai politici britannici di rivedere il mio caso, sono disposta a cambiare”. Un appello, intanto, è stato indirizzato dalla famiglia anche al Segretario di Stato Sajid Javid, come riferisce Bbc. “Siamo sconvolti – si legge nella lettera aperta scritta dalla sorella, – ma non possiamo abbandonarla. Riportiamola a casa con il figlio”.

“Sono disposta a cambiare”Se fino a poco tempo fa Shamima, scappata di casa nel 2015 per unirsi all’Isis, aveva sempre dichiarato con fermezza: “Non mi pento di nulla”, davanti alla revoca della cittadinanza britannica che chiude definitivamente le porte al suo desiderio di tornare a casa con il suo neonato malato, cambia posizione.

Incalzata dalle domande dell’inviato John Sparks, incontrato nel campo profughi dove ha trovato rifugio, la 19enne afferma: “Sono disposta a cambiare, mio figlio ora non ha cure e per lui farei di tutto”. Da qui l’accorata invocazione ai politici inglesi: “Mi piacerebbe che rivalutassero il mio caso con un po’ più di misericordia nel loro cuore”.

La lettera della sorella al Segretario di Stato: “Siamo sconvolti”Per cercare di riportare a casa, in Gran Bretagna, Shamima, è intervenuta anche la famiglia. La sorella Renu ha preso carta e penna e ha scritto al segretario di Stato Javid; la lettera è stata pubblicata integralmente dalla Bbc.

Descrivendo lo stato d’animo dei parenti di Shamima per il caso mediatico che è scoppiato intorno alla 19enne e per la decisione di toglierle la cittadinanza, Renu afferma che in casa sono tutti “sconvolti” e assicura che “nel 2015 fecero di tutto per non farla entrare nell’Isis. I nostri sforzi sono stati vani, ma non possiamo abbandonarla”.

“Tutto quello che dal 2015 a oggi le è accaduto e tutto quello che ha detto – aggiunge la sorella – lo abbiamo appreso dai media, perché con lei non abbiamo avuto più nessun rapporto,  ha vissuto quattro anni in schiavitù”. “Ora vogliamo riportarla a casa, insieme a nostro nipote – è la conclusione dell’appello. – Per questo ci auguriamo che comprendiate la nostra posizione e confidiamo nelle istituzioni”.

Sarà poi un giudice a valutare di quali colpe si è macchiata a 15 anni Shamina, non la politica: questo quanto pensano Renu e la sua famiglia.



Previous Article
Next Article