Rientrato in Italia Gabriele Micalizzi: il fotografo ferito in Siria è stato ricoverato al San Raffaele


Rientrato in Italia Gabriele Micalizzi: il fotografo ferito in Siria è stato ricoverato al San Raffaele


E’ rientrato in Italia Gabriele Micalizzi, il fotografo italiano ferito l’11 febbraio mentre documentava gli scontri tra Isis e forze curde nella Siria orientale. L’aereo dell’Aeronautica militare con il quale è stato trasferito da Baghdad, dove era ricoverato nell’ospedale militare americano, a Milano, è atterrato poco dopo le 19 di domenica a Linate. Micalizzi è stato quindi trasferito all’ospedale San Raffaele.

Dopo i primi momenti nei quali si era temuto per la sua vita, il reporter italiano è stato dichiarato fuori pericolo, ma le conseguenze delle schegge del razzo Rpg che lo hanno centrato sono pesanti. Gli sono state amputate due falangi del medio e del mignolo della mano destra, il braccio sinistro è fratturato, ed è compromesso, ma recuperabile, l’udito dalla parte sinistra. Il problema più grave riguarda però la lesione al nervo ottico dell’occhio sinistro per il quale sono già intervenuti i chirurghi nella capitale irachena. Ora le cure proseguiranno a Milano.

Le prime notizie dopo l’esplosione parlavano di perdita della vista ma poi era stato lo stesso Micalizzi a far sapere di vedere ancora. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in relazione al ferimento del fotografo. L’indagine è coordinata dal sostituto procuratore Sergio Colaiocco che ha affidato la delega ai carabinieri del Ros per ricostruire la dinamica dei fatti. Si procede per attentato con finalità di terrorismo. Micalizzi è stato colpito su un edificio dal quale anche la Cnn stava effettuando riprese durante l’offensiva delle forze curdo arabe nell’area di Dayr az Zor contro l’ultimo bastione dell’Isis.

Chi è Gabriele Micalizzi – Micalizzi, 34 anni, milanese, quasi 10 anni passati nelle zone di conflitto, è membro del collettivo di fotografia Cesura Lab ed era amico di Andrea Rocchelli, ucciso in Ucraina nel 2014. E’ uno dei fotoreporter italiani più conosciuti sui teatri di guerra, da Gaza alla Libia, dall’Egitto alla Siria. Le sue foto sono state pubblicate da New York Times, New Yorker, Newsweek, Wall Street Journal, Stern, Sportweek e, in Italia, da Espresso, Repubblica, Internazionale e Corriere della Sera.



Previous Article
Next Article