Maltempo negli Usa, almeno undici i morti per l’ondata record di gelo



Sono almeno undici le vittime del maltempo negli Stati Uniti: le regioni del Midwest e della costa orientale sono nella morsa del gelo con temperature che hanno raggiunto quasi i 40 gradi sotto lo zero. A New York e Washington la colonnina del mercurio ha toccato i -14 gradi e ad aumentare la percezione del freddo ci hanno pensato i venti e le correnti del vortice polare. Tantissimi i disagi per i trasporti e negli aeroporti.

Ondata di gelo negli Stati Uniti, il vortice polare mette in ginocchio il Paese

Un vortice polare si è abbattuto su parte degli Stati Uniti con una ondata di gelo che, secondo i meteorologi, non si registrava da una generazione. Un’emergenza che interessa 90 milioni di americani e che ha causato almeno 5 morti, la cancellazione di oltre 2mila voli e di decine di collegamenti ferroviari, oltre alla chiusura di centinaia di scuole. Wisconsin, Michigan e Illinois hanno dichiarato lo stato di emergenza, con temperature a -40 gradi.

leggi tutto

Tra le vittime ci sono uno studente dell’University of Iowa, trovato morto fuori dalla sua casa a Detroit. Un altro uomo, ex membro del consiglio comunale di Ecorse, è stato trovato morto in Michigan, mentre in Illinois un anziano di 82 anni è morto per ipotermia fuori dalla sua abitazione. A Chicago, invece, un 75enne ha perso la vita dopo essere stato investito da uno spazzaneve. Il fronte freddo, che si estende da New York al Montana, ha portato temperature inferiori a quelle registrate in Antartide, e i funzionari hanno avvertito che stare all’esterno anche solo per 5 minuti potrebbe portare al congelamento.

Intanto, in tutti gli Usa, secondo il sito FlightAware.com sono già stati cancellati oltre 2mila voli. Lo scalo più colpito è l’O’Hare di Chicago, dove la temperatura è a -28 gradi, con oltre 1.400 cancellazioni. In città Metra, il locale gestore ferroviario, è stato costretto ad industriarsi per evitare il congelamento dei binari e quindi il blocco dei treni. Da giorni l’azienda si sta servendo di una rete alimentata a gas adiacente alle ferrovie con la quale dà letteralmente fuoco agli scambi dei binari, scongiurando la formazione del temutissimo ghiaccio.



Previous Article
Next Article