L’anno bisestile ha salvato le nostre società dal caos, almeno per ora



Ma anche questo sistema era fallace, perché il quarto di giorno che l’anno bisestile aggiunge ogni anno è un po’ più lungo del giorno rimanente dell’anno solare di 0,242. Ciò ha reso l’anno civile più breve di circa 11 minuti della sua controparte solare, quindi i due divergono di un giorno intero ogni 128 anni. 

“A quanto pare, se ne aggiungi uno ogni quattro anni, ce ne sono troppi”, afferma James Evans, un fisico dell’Università di Puget Sound ed editore del Journal for the History of Astronomy.

La riforma delle regole dell’anno bisestile 

Tra il momento in cui Cesare introdusse il nuovo sistema e il XVI secolo, questa piccola discrepanza aveva fatto sì che date importanti, comprese le festività cristiane, si spostassero di circa 10 giorni.

Papa Gregorio XIII trovò la situazione insostenibile, così nel 1582 fu presentato il suo calendario gregoriano, dopo aver attuato un’altra drastica tattica di salto temporale.

“Gregorio riformò il calendario e dieci giorni furono eliminati dal mese di ottobre di quell’anno”, dice Evans. “Quindi modificarono le regole del giorno bisestile per correggere il problema”.

Ora gli anni bisestili divisibili per 100, come l’anno 1900, vengono saltati a meno che non siano anche divisibili per 400, come l’anno 2000, nel qual caso vengono osservati. Nessuno vivo ricorda l’ultimo giorno bisestile perduto, ma lasciando cadere quei tre giorni bisestili ogni 400 anni si riesce a mantenere il calendario in tempo.

Calendari alternativi moderni

Tutt’oggi alcuni calendari scartano l’anno bisestile inteso per tenerci al passo con la nostra orbita, mentre altri ignorano totalmente il sole.

Il calendario islamico è un sistema lunare che si aggiunge a soli 354 giorni e si sposta di circa 11 giorni dal calendario gregoriano ogni anno, anche se un solo giorno bisestile a volte viene aggiunto.

E mentre la Cina utilizza il calendario gregoriano per scopi ufficiali, un calendario lunisolare tradizionale è ancora popolare nella vita di tutti i giorni. Segue le fasi della luna e introduce un intero mese bisestile circa una volta ogni tre anni.

“Non c’è nulla di sacrosanto nel fissare un calendario all’anno solare così come è il nostro”, dice Evans. “Le persone possono abituarsi a qualsiasi sistema di calendario. Ma una volta che si sono abituate, quello che sembra davvero sconvolgerle è quando qualcosa viene cambiato”.

Future complicazioni 

L’attuale sistema di calendario gregoriano rende i giorni frazionari dell’anno solare e del calendario degli anni bisestili quasi uguali saltando di tanto in tanto un giorno bisestile.

Questo sistema produce una durata media dell’anno di 365,2425 giorni, solo mezzo minuto in più dell’anno solare. Con questo ritmo ci vorranno 3.300 anni prima che il calendario gregoriano si sposti anche di un solo giorno dal nostro ciclo stagionale.

COSA È SUCCESSO NEGLI ANNI 2000

Previous Article
Next Article