Caos Venezuela, Papa: “Rispettare i diritti umani, chiedo una soluzione giusta e pacifica”



Anche il Papa, a Panama, ha voluto ricordare la drammatica situazione del Venezuela, un Paese nel caos con due presidenti. “Ho pensato molto al popolo venezuelano, mi sento vicino a loro e chiedo al Signore che, in questo momento di difficoltà, si possa cercare una soluzione per superare la crisi”, ha detto il Pontefice all’Angelus affidando il popolo venezuelano alle preghiere alla Vergine di Coromoto, patrona del Venezuela.

“Di fronte alla grave situazione che sta attraversando il Paese, chiedo al Signore che si trovi una soluzione giusta e pacifica per superare la crisi, nel rispetto dei diritti umani”, ha dichiarato il Papa a Panama, dove si trova per le Giornate mondiali della gioventù.

Giorno della memoria, “non dimenticare le vittime” – Il Papa ha ricordato poi anche la Giornata della Memoria: “Dobbiamo mantenere vivo il ricordo del passato e imparare dalle pagine nere della storia in modo da non farlo non fare mai più gli stessi errori. Continuiamo a sforzarci, instancabilmente, a coltivare giustizia, aumentare la concordia e sostenere l’integrazione, essere strumenti di pace e costruttori di a mondo migliore”.

Attentato Filippine, “Dio converta i cuori dei violenti” – Il Papa all’Angelus ha pregato per le vittime dell’attentato terroristico nelle Filippine nel duomo, mentre si celebrava messa. “Condanniamo questa violenza che colpisce questa comunità cristiana. Prego il Signore, principe della pace, affinché converta i cuori dei violenti e garantisca agli abitanti di quella popolazione una pacifica convivenza”.

Papa ai giovani: “Arrivederci a Lisbona nel 2022” – Alla fine dell’incontro, il Pontefice ha annunciato la nuova Gmg che si terrà in Portogallo nel 2022. “A voi, cari giovani, un grande grazie per Panama2019. Continuate a camminare, continuate a vivere la fede e a condividerla. Arrivederci a Lisbona nel 2022!”.



Previous Article
Next Article