Auguri Classe G, il fuoristrada compie 40 anni






Lʼultima generazione risale al 2018

È il modello Mercedes più longevo della gamma. La Classe G compie 40 anni ed è una leggenda vivente, un fuoristrada evergreen unico al mondo, che la Casa tedesca ha sempre saputo rinnovare e reinventare, ma senza cambiarne mai il  design dʼinsieme. Il debutto della prima Classe G avvenne a Tolone nel febbraio 1979, ma la gestazione del modello coprì lʼintero decennio degli anni 70.

I 40 anni di Mercedes Classe G

Il primo modello si chiamava G serie 460, dove G sta per “Gelandewagen”, in tedesco semplicemente “fuoristrada”. Come spesso accade, le prime stime parlavano di numeri ristretti, di un prodotto di nicchia, assemblato a Graz in Austria con componenti che provenivano dalla Germania. E invece, nonostante sia sempre stato un prodotto di fascia altissima con prezzi non proprio alla portata (oltre i 100.000 euro), sono già 300 mila le Mercedes Classe G vendute nel mondo. Anche perché, generazione dopo generazione e di restyling in restyling, Mercedes non ha mai smesso di iniettare nel suo 4×4 puro le più innovative soluzioni tecniche.

Nel 1985, ad esempio, il fuoristrada fu dotato dei bloccaggi del differenziale di serie; nel 1987 fu la volta del servosterzo e del catalizzatore a tre vie regolato. LʼABS fu introdotto nel 1990, quando ancora si dibatteva sulla sua convenienza. Ventʼanni fa, nel 1999, arrivarono le prime varianti sportive con la G 55 AMG, a dimostrazione che le qualità offroad di un veicolo potevano mescolarsi con il carattere dinamico di una vera sportiva. Insomma la Classe G è stata un incunabolo di sperimentazioni e ancora nel 2015 fu proposta in versione G 500 4×42 per definire nuovi standard di riferimento per la marcia in fuoristrada. Lʼultima generazione della Classe G risale al gennaio 2018, con la serie 463 presentata al Salone di Detroit.

A dare linfa allʼimmagine del veicolo ci si è messo anche il cinema. La Classe G ha presenziato nella serie di film Die Hard e in Jurassic World, ma forse noi italiano lo ricordiamo nel delizioso “Marrakesh Express” di Gabriele Salvatores. Correva lʼanno 1979, sono trascorsi 30 anni, ma quel modello sembra ancora identico alle versioni di Classe G che sono oggi sul mercato.



Previous Article
Next Article