Home » Spazio news

La gastrite ai tempi del Natale

Gastrite a NataleSotto le feste natalizie capita inevitabilmente di esagerare a tavola. Cosa fare? Per prima cosa cercate di limitare le quantità, servendovi delle porzioni non troppo abbondanti.Quindi, poiché sicuramente assaggiando e sgranocchiando qua e là avremmo mangiato più del dovuto, cercate di recuperare negli altri pasti della giornata. Se, ad esempio, prevedete di dover fare un pranzo lungo e abbondante, iniziate la giornata con una colazione leggera (un tè, due fette biscottate e una mela). Se invece sarà la cena ad essere abbondante, fate una colazione molto ricca e sostituite il pranzo con un po' di verdura e tanta frutta (meglio sbucciata, perché la buccia crea acidità).

A Natale e Capodanno non esagerate con i dolci, soprattutto quelli morbidi perché tardano a saziare e quindi rischiate di mangiarne troppi ed inoltre sono causa di aumento di glicemia. Dovendo cedere alla tentazione, meglio quelli secchi come torrone, crostate, panforte e così via.

A fine pasto, un caffè non fa male, anzi, se preso in modiche quantità aiuta la digestione. Ma attenti al cappuccino, assolutamente controindicato a chi soffre di gastrite: non mischiate mai latte e caffè perché presi insieme ostacolano la digestione.

Dopo aver mangiato, fa benissimo una camminata di un quarto d'ora perché aumenta la velocità di circolazione del sangue, ossigena l'organismo e migliora la digestione e l'assimilazione dei nutrienti. Altra buona abitudine, soprattutto in un periodo come quello natalizio caratterizzato da tanti strappi alla regola, ma valida tutto l'anno, è bere una tisana a base di camomilla, finocchio, tiglio, malva, altea, piantaggine o cannella, che avrà un effetto calmante sia per l'apparato digerente che per il sistema nervoso, aiutandovi a trovare quel relax indispensabile per una buona digestione.

 

Copyright © Luca Sardella & Janira - Comunicando s.r.l. :: sede: Via della Giuliana 80, 00195 Roma - P.IVA 10717711005 :: powered by MuptoC