Home » Spazio news

Gastrite, una questione di equilibrio

la dieta giusta contro la gastritePossiamo distinguere i cibi in acidi e alcalini: la carne e le proteine animali in genere, soprattutto formaggi fermentati e pesce, sono acidificanti, mentre verdura, frutta e latte sono alcalinizzanti. Il benessere per il nostro stomaco nasce da un equilibrio tra i due, quindi è importante non eccedere nell'uno o nell'altro.

Poiché la nostra dieta è di solito maggiormente orientata verso l'acidità, dovremmo sicuramente aumentare il consumo di cibi alcalinizzanti e questo vuol dire anche stare attenti a ciò che beviamo. Se ad un piatto di carne abbiniamo una bevanda a base di cola, l'acidità salirà alle stelle. Meglio scegliere un'acqua oligominerale alcalina, cioè con Ph superiore a 7. Insomma, la parola d'ordine è equilibrio. A tavola, ricordate, non è mai l'uso ma l'abuso che fa male.

Tornando alla carne, per esempio, dobbiamo avere presente che ne dobbiamo consumare circa un grammo al giorno per chilo di peso, (quindi una persona di 70 chili dovrebbe mangiare una fettina di carne da 70 grammi e non una bistecca alla fiorentina da un chilo!) e per non più di 3 o 4 volte a settimana. Gli strappi alla regola sono concessi una volta ogni tanto, ma cercando poi di recuperare nel pasto successivo, tenendosi leggeri.

È importante poi rispettare l'orario dei pasti, evitando le abbuffate e cercando invece di mangiare pasti brevi ma completi a intervalli di 3, 4 ore l'uno dall'altro. Ed infine, ricordatevi che la prima digestione si fa in bocca, per cui masticate bene e a lungo i cibi, assaporandoli e gustandoli, senza ingurgitare tutto con voracità. In questo modo, darete anche al vostro stomaco la possibilità di trasmettere al cervello il senso della sazietà (ci vogliono circa 20 minuti), evitando così di mangiare oltre il dovuto.

Copyright © Luca Sardella & Janira - Comunicando s.r.l. :: sede: Via della Giuliana 80, 00195 Roma - P.IVA 10717711005 :: powered by MuptoC