Home » Spazio news

Diabete, i consigli per uno stile di vita sano

diabete consigliDopo avervi parlato di alimentazione adatta a chi soffre di diabete, vediamo ora insieme al Dott. Ivo Pulcini come impostare uno stile di vita corretto per convivere il più serenamente possibile con questa patologia.

Come occorre regolarsi con l'attività fisica?

L'attività fisica è molto importante e va effettuata minimo tre volte a settimana, per almeno 40 minuti, mentre l'intensità dell'allenamento, ovvero la frequenza del battito cardiaco, deve essere rapportata all'età. Si può ricavare questo valore facendo una semplice operazione: 220 meno l'età. Si ottiene così la frequenza cardiaca massima consentita, da non superare mai. Ad esempio, per un uomo di 40 anni, la frequenza massima dei battiti è 180, ma io consiglio non solo di non superare questa soglia, ma di evitare anche di raggiungerla. Meglio lavorare tra il 65% e l'85 % di questo valore. Mantenersi al di sotto non serve a niente, mentre andare al di sopra può far male. Quindi, nell'esempio che abbiamo appena fatto, l'uomo di quarant'anni dovrebbe allenarsi con una frequenza di 120-150 battiti al minuto.

Il fumo è nemico del diabete, vero?

Certamente. Il fumo infatti è vietato ai diabetici perché crea problemi alle arterie, aumenta la pressione sanguigna, creando danni alla circolazione. In poche parole, aumenta i fattori di rischio e la gravità della malattia che colpisce per primi proprio i vasi sanguigni. Il fumo non aiuta perché è un vaso costrittore e ruba l'ossigeno ai tessuti. Quindi per evitare le pericolose conseguenze del diabete che tutti conosciamo - problemi agli occhi, al cuore, ai reni e agli arti inferiori - meglio stare lontani dalle sigarette.

Ci sono rimedi naturali che possono invece venirci incontro?

Le tisane più appropriate sono quelle a base di finocchio e di camomilla perché hanno proprietà carminative, cioè assorbono il gas in eccesso e hanno un effetto calmante. Chi soffre di diabete deve evitare il nervosismo perché questo stimola la produzione di adrenalina e di conseguenza alza la glicemia: più si rimane calmi e più la glicemia è controllata.

Perché molti diabetici faticano ad accettare questa malattia, rifiutando anche a volte di curarsi?

Il problema del diabete è che i sintomi appaiono di solito tardivamente e molti preferiscono nascondere la testa sotto la sabbia, come gli struzzi. Questo è un atteggiamento gravissimo: il diabete è una malattia da cui non si guarisce, è vero, ma allo stesso tempo è curabile. E' sbagliato trascurarsi e non collaborare con il proprio medico, perché seguire i suoi consigli e adottare uno stile di vita appropriato, significa vivere bene e prevenire i danni. Ci sono addirittura atleti professionisti che soffrono di diabete, eppure continuano a svolgere la loto attività sportiva a livello agonistico, senza alcun problema!  

Copyright © Luca Sardella & Janira - Comunicando s.r.l. :: sede: Via della Giuliana 80, 00195 Roma - P.IVA 10717711005 :: powered by MuptoC