Home » Spazio news

I calcoli renali: prevenirli e curarli

calcoli renali prevenzione e curaIl calcolo renale è un ammasso duro fatto di cristalli che si separano dall'urina all'interno delle vie urinarie. Se i cristalli rimangono piccoli verranno espulsi dall'organismo insieme all'urina, ma quelli più grandi possono provocare sintomi dolorosi e altre complicazioni. In condizioni normali, l'urina contiene sostanze chimiche che inibiscono la formazione dei cristalli, ma questi inibitori non sempre funzionano. L'ereditarietà può determinarne la comparsa, e chi ne soffre una volta rischia future recidive. Altri fattori scatenanti possono essere le infezioni delle vie urinarie, le malattie renali e alcuni disordini metabolici come l'ipertiroidismo.

Di norma il primo segnale è un dolore intenso che si concentra alla schiena e sui fianchi, nella zona del rene oppure nel basso ventre: si tratta della cosiddetta colica renale. Può comparire del sangue nell'urina e si può avvertire la necessità di urinare con maggior frequenza o avere una sensazione di bruciore durante la minzione. Se questi sintomi sono accompagnati da febbre e brividi, è bene chiamare subito il medico.

Di solito l'intervento chirurgico non è necessario, perché la maggior parte dei calcoli viene espulsa naturalmente, se si beve molta acqua (due o tre litri al giorno). Si ricorre alla chirurgia solo se il cristallo non viene espulso e provoca coliche costanti, causando infezioni o danneggiando i tessuti renali.

Per quanto riguarda la prevenzione, l'intervento più importante è quello di assumere più liquidi: bisognerebbe bere almeno due litri d'acqua al giorno. Alcuni medici consigliano acque oligominerali, povere di residui fissi. A mio parere, è molto più importante l'atto stesso del bere, che il tipo di acqua scelta.

Due sono i tipi più frequenti di calcoli: quelli da ossalato di calcio (si sviluppano nelle urine a pH basico) e quelli da acido urico (si sviluppano nelle urine acide). La giusta dieta può aiutare, ma bisogna fare attenzione al tipo di calcolosi di cui si soffre (quindi è sempre bene affidarsi al proprio medico). Va ricordato innanzitutto che una dieta ricca di carne produce urine acide, mentre si hanno urine alcaline in caso di diete ricche di frutta e verdura. In caso di calcoli di calcio, bisogna fare attenzione agli alimenti ricchi di ossalati, come alcune verdure (spinaci, prezzemolo, bietole, piselli, asparagi, cavoli), nonché le nocciole, il cioccolato, il tè, le bevande gassate, lo zucchero e il sale. In caso di calcoli da acido urico, va ridotto il consumo di carne ma anche di molluschi, crostacei e frutti di mare e per alcalinizzare le urine, oltre a una dieta ricca di frutta e verdura, il succo di limone è un ottimo alleato (l'acido citrico aumenta il pH dell'urina)

Copyright © Luca Sardella & Janira - Comunicando s.r.l. :: sede: Via della Giuliana 80, 00195 Roma - P.IVA 10717711005 :: powered by MuptoC