Home » Spazio news

Trucco permanente: quali rischi corri?

30/01/2015

trucco permanenteRidefinisce i contorni di labbra e sopracciglia e promette un make up a prova di lacrime. Pensato per le donne che vogliono essere sempre a posto e hanno poco tempo da dedicare allo specchio, il trucco permanente, o dermopigmentazione, potrebbe apparire come la rivoluzione nel mondo della bellezza femminile, eppure presenta una serie di controindicazioni.

Si tratta di un sistema di iniezioni sottocutanee simile a quello dei tatuaggi, e viene utilizzato non solo per offrire un make up duraturo, ma anche per risolvere problemi di pigmentazione alterata o di lieve alopecia. Sempre più donne, spinte dalla praticità e attirate dalla prospettiva di risultati ottimali, si sottopongono a questo tipo di trattamento, sottovalutandone l'invasività e i rischi, legati soprattutto alle sostanze contenute negli inchiostri, molti dei quali tossici, con livelli intollerabili di litio e piombo.

Anche se la regolamentazione in materia di sicurezza e sostanze parla chiaro, la prudenza non è mai troppa e, come nel caso di piercing e tatuaggi, l'eventualità di infiammazioni, infezioni, granulomi, vesciche, cheloidi e reazioni allergiche si nasconde dietro l'angolo. Inoltre, il termine "permanente" non deve ingannare. Non si tratta, infatti, di un trucco eterno e negli anni, in media dai 3 ai 5, tende a deteriorarsi progressivamente.  

Copyright © Luca Sardella & Janira - Comunicando s.r.l. :: sede: Via della Giuliana 80, 00195 Roma - P.IVA 10717711005 :: powered by MuptoC