Home » Spazio news

Salsa di soia, cosa contiene?

salsa di soiaLa salsa di soia, fatta secondo la tradizione, contiene ben pochi ingredienti base: semi di soia, farina di grano o di riso, sale e acqua, fatti fermentare per circa un anno e mezzo con il kōji, il fungo Aspergillus oryzae o altri microrganismi simili. Oggi, tuttavia, per ridurre tempi e costi, il prodotto viene spesso preparato in pochi giorni usando soia idrolizzata: i semi di soia sono cioè bolliti in acido idroclorico per 15-20 ore per produrre un amminoacido che viene mescolato al carbonato di sodio e filtrato prima di aggiungere caramello (per la colorazione), farina di frumento e sale. Occhio dunque all'etichetta e al prezzo: proprio come l'aceto balsamico invecchiato, infatti, la salsa di soia prodotta tradizionalmente è più costosa di quella industriale. In ogni caso, anche se potrebbe risultare difficile mettere le mani su una bottiglia di artigianalità autentica, ci sono delle aziende che pur utilizzando un processo di fermentazione naturale offrono prodotti a prezzi abbordabili. Come accennato, poi assicuratevi che la lista degli ingredienti sia breve, senza additivi o conservanti, e controllate che compaiano le diciture “fermentata tradizionalmente o naturalmente”, “semi senza OGM” e “biologici”.

Tra le qualità nutritive della salsa di soia spicca senza dubbio il contenuto di sostanze antiossidanti, che è dieci volte maggiore rispetto a quello del vino rosso; tuttavia questa presenta anche un buon contenuto di sale e glutammato, che la rendono sconsigliabile in diete povere di sodio e costituiscono per tutti un invito a consumarla con molta moderazione. Inoltre, in quanto addizionata di frumento,non deve essere consumata dai celiaci. 

Copyright © Luca Sardella & Janira - Comunicando s.r.l. :: sede: Via della Giuliana 80, 00195 Roma - P.IVA 10717711005 :: powered by MuptoC